Condividi questo articolo:

PACHINO, RAPID INVERDURATA: VINCE ALAIMO!

PREMIATI
Si è svolta sabato 13 maggio, a Pachino, nei locali dell’ex cinema Diana la nona tappa del Circuito Grand Prix Sicilia 2017 di scacchi.
Cadenza di gioco 12’+3”, sei i turni, minimo sindacale di giocatori partecipanti, appena 15.
Livello qualitativo alto, vista la presenza del forte Maestro Riccardo Alaimo, di due Candidati Mestro, Gaetano Grasso, (che guida la classifica generale del Circuito Grand Prix 2017) e  Salvatore Tondo, all’esordio stagionale nel Circuito Regionale, nonchè di due 1^ Nazionale, Silvano Conti e Giampaolo Carnemolla. Tre giovani Under 16 all’esordio stagionale nei tornei ufficiali, Luca e Giulia Trapani, nonchè Marco Masini, (appena otto anni! e solo omonimo del famoso cantante).
L’organizzazione è stata curata dal locale Circolo “Lorena Fronte”. Ha diretto l’ottimo arbitro Franscesco Grasso. Presenti Domenico e Angela, i genitori di Lorena.
La seconda delle cinque tappe programmate per il 2017 a Pachino ha laureato vincitore il favorito del lotto dei partecipanti, il M° Riccardo Alaimo,
che ha concesso nei sei turni di gioco solo una patta al CM Salvatore Tondo. Alaimo ha inflitto al maestro Gaetano Grasso una delle rare sconfitte stagionali, che non ne intaccano il morale nè tantomeno la supremazia nel Circuito Grand Prix: Grasso ha chiuso in solitaria a 5 punti.
Sul terzo gradino sale un sempre più convincente Felice Romano, del Circolo P.Boi di Siracusa che chiude a 4 punti.
A premio l’esordiente Giulia Trapani prima tra le donne, Luca Trapani tra gli Under 16 e il simpatico Francesco Mangiafico, (classe 1932 !), per gli Over 60.
Una breve riflessione, personale. Il fair play, la correttezza e la sportività distinguono da sempre il nostro Gioco: se mai dovessimo dare un nome
e un cognome a queste qualità, oggi, non a caso, la scelta cadrebbe sui tre giocatori più quotati, Alaimo, Grasso e Tondo, forti, fortissimi sia sulla scacchiera che fuori dalla scacchiera. Un esempio positivo per i tanti giovani che si avvicinano al gioco degli scacchi, un esempio per tutto il movimento scacchistico regionale.

Giampaolo Carnemolla

Inserisci un Commento


*