Condividi questo articolo:

Il Consiglio Nazionale FSI per la prima volta ospite a Palermo

Il presidente della Federazione Scacchistica Italiana, Luigi Maggi e il Direttivo Nazionale si sono trovati impegnati in un vero e proprio tour de force a Palermo da venerdì 22 a sabato 24 ottobre, dove hanno incontrato gli stati generali siciliani e palermitani.  

Il 22 ottobre, presso la saletta del President Hotel, il presidente Maggi ha incontrato il delegato provinciale di Palermo Francesco Lupo ed i presidenti dei circoli palermitani.
Nella mattinata di sabato si è svolto, presso Palazzo Ziino il direttivo nazionale, per la prima volta in presenza (dopo il covid) e per la prima volta in assoluto a Palermo. Nell’occasione ha portato i saluti del sindaco (impegnato nel Global Parliament of Majors, ospitato anch’esso per la prima volta a Palermo) l’Assessore alla Cultura, Gianfranco Rizzo.

Infine nel pomeriggio del sabato il presidente, i vice presidenti Lorenzo Antonelli e Roberto Rivello ed i consiglieri Riccardo Merendino, Angelo Martorelli, Giampaolo Torselli e Fabrizio Frigeri hanno incontrato presso la sede del Centro Scacchi Palermo il presidente del CSS, Giuseppe Cerami, il fiduciario regionale degli arbitri Domenico Buffa e tutti i dirigenti regionali.  
In un clima grandemente propositivo il presidente Cerami ha illustrato l’impegno del Comitato da quando ne è stato eletto alla guida (da poco più di un anno), sia nel periodo del covid (con l’attività online) sia con la ripresa delle attività in presenza, sottolineando come tutti i membri del comitato abbiano sempre collaborato in grande armonia nell’interesse del movimento scacchistico siciliano, applicando le direttive provenienti dalla Federazione nazionale.

Poi è stato dato spazio a tutti i Consiglieri regionali, i quali, oltre a presentarsi ognuno per il proprio ruolo, hanno illustrato le attività da essi svolte in seno al Comitato stesso.

Dal canto suo il presidente Maggi, dopo aver anche ascoltato varie proposte e risposto a richieste di chiarimenti giunte da tutti i consiglieri regionali, ha illustrato gli obiettivi della FSI a breve e lungo termine, ribadendo come Palermo sia la prima tappa di un percorso che vuole rendere la Federazione più vicina e partecipe di tutte le realtà scacchistiche locali. Maggi ha concluso mostrando grande apprezzamento per il percorso e le scelte del Comitato Scacchistico Siciliano.

Inserisci un Commento