Condividi questo articolo:

Aspettando la riforma SNAQ

Con gli esami finali previsti da programma, si è concluso ieri 15 novembre a Bagheria, presso l’istituto ITES STURZO, l’ultimo corso di formazione siciliano per il 2014, destinato agli Istruttori e ai Docenti di Scacchi di 1° livello, organizzato dalla ASD Chessmate Academy e patrocinato dal Comitato Scacchistico Siciliano. Venti i partecipanti, tra docenti di scuola e giocatori titolati provenienti anche dalla provincia di Trapani,  che hanno affrontato il corso con la massima attenzione per poter accedere alla qualifica di insegnante di base del gioco degli scacchi.
Alla fine delle 4 giornate di formazione, i corsisti sono stati formati su diversi aspetti della nostra disciplina, alternando la fase teorica di formazione a quella pratica di gioco. Il parterre dei relatori era davvero notevole: Il consigliere nazionale, l’Istruttore FIDE Giuliano D’Eredità, con la professionalità di sempre, ha introdotto il nuovo sistema di qualifica  nazionale che interesserà anche la nostra  FSI, ovvero lo Snaq, in attuazione  già da gennaio 2015;
il Fide Trainer  Francesco Bentivegna ha immerso i corsisti nel magico mondo di Scacchi & Computer, mostrando le tecniche di allenamento dei giocatori professionisti e i sistemi informatici di maggiore uso oggigiorno e le competenze informatiche che un buon istruttore deve avere per poter allenare al meglio i propri ragazzi e i sussidi informatici che deve utilizzare per un allenamento programmato a qualsiasi livello.
Al Docente ISEF Marco Fasino il compito di fare una panoramica sugli aspetti legati ai Sistemi diall’Allenamento dell’atleta, con particolare riferimento all’Uso della Memoria, ai Processi Metabolicie all’Alimentazione in relazione al mondo degli Scacchi.
Particolarmente affascinante e con molti aneddoti storici  è stato l’intervento del Presidente del CSS, l’Istruttore Giovanile Qualificato Riccardo Merendino, che ha riportato indietro nel tempo i corsisti fin alle origini del gioco degli scacchi, con particolari riferimenti storici ai giocatori siciliani  del passato che hanno fatto la storia degli scacchi non solo in Sicilia.
Il delegato Provinciale di Palermo, il National Instructor Benedetto Galante, ha dedicatoparte  del suo intervento  all’Etica del gioco degli scacchi ed il Fair Play, chiarendo alcune dinamiche sul comportamento dell’Istruttore e sul buonsenso che questi deve possedere  quando interviene per  fronteggiare le situazioni particolari da torneo tra due giocatori.
Alla Fide Instructor Alessandra Arnetta, il compito di curare gli aspetti del Gioco pratico, le Relazioni tra Scacchi & Mondo della Scuola( con riferimento agli Scacchi Agonistici e quelli Scolastici, la realizzazione dei Progetti, le Metodologie d’Insegnamento e tutto ciò che riguarda il nobil gioco a 360°) argomenti sviscerati dal punto di vista  di una giocatrice, di un’organizzatrice e soprattutto da istruttore con vastissima  esperienza nel settore dell’insegnamento.
Il corso si è svolto in un clima di massima serenità, collaborazione ed interscambio: moltissime le domande fatte ai relatori e gli interventi dei corsisti per approfondire sempre più il vasto mondo del gioco degli scacchi. Un grazie alla caloroso ospitalità dell’Ites Sturzo che ha messo a disposizione i locali, il suo personale e la logistica, per questo  un sentito ringraziamento va al suo Dirigente Scolastico, la prof.ssa Alessandra Servito, da anni vicina al mondo degli scacchi e al suo sviluppo sul territorio.

Inserisci un Commento